Colline del Romanico 1

Comuni coinvolti:
Castelnuovo Don Bosco (AT), Moncucco Torinese (AT), Albugnano (AT)

Dati tecnici:
Quota di partenza (m s.l.m.): 243
Quota massima (m s.l.m.): 469
Dislivello complessivo (m): 392
Lunghezza (km): 11,6
Difficoltà: Escursionistica
Località di partenza: Castelnuovo Don Bosco (AT)
Copertura della rete cellulare: Vodafone 90 % di copertura

Scarica mappa PDF

Accesso:
da Castelnuovo Don Bosco si imbocca la strada provinciale 16 che porta alla frazione Bardella (direzione Berzano San Pietro). Poco dopo il bivio con la strada provinciale 31 (direzione Albugnano) si incontra sulla destra la Chiesa di S. Eusebio, di fronte alla quale è presente un parcheggio.

Note tecniche:
percorso su strade asfaltate secondarie, tratturi e sentieri da effettuare in periodi asciutti e non dopo le piogge. In alcuni tratti di bosco si possono incontrare ostacoli naturali come alberi bassi o caduti.

Descrizione itinerario:
sulla destra della strada provinciale che collega Castelnuovo Don Bosco a Berzano San Pietro, poco oltre la Chiesa di S. Eusebio, si imbocca una strada sterrata. Dopo un iniziale tratto in salita, il percorso prosegue verso Nord sulla cresta della collina compresa tra la valle del Rio Bardella e la valle del Rio Nevissano. Si incontrano subito alcuni bivi, dove si sceglie sempre la via più in salita, per mantenersi in alto e poter ammirare il paesaggio su entrambe le vallate. Al culmine di una lieve salita si può vedere la Chiesa di S. Maria di Cornareto sulla propria sinistra, si può raggiungere e da lì osservare il paesaggio a 360°. Tornando sul percorso originale, si prosegue ancora verso Nord, abbassandosi leggermente di quota e ritornando all’incirca alla stessa quota del “bric” dove è situata la chiesa precedentemente incontrata. Su questa nuova altura è posizionata la Chiesa di San Michele , la cui facciata è rivolta a guardare quella di Cornareto. Si prosegue costeggiando alcune case sulla loro sinistra, e, arrivati in prossimità della C.na Bergana, si incontra un bivio: entrambe le direzioni consentono di arrivare a Vezzolano. La deviazione sulla destra porta al fondovalle e prevede poi una salita abbastanza ripida, sconsigliabile da fare se il terreno è bagnato da piogge di gironi precedenti perché molto scivoloso. La deviazione sulla sinistra invece conduce dapprima alla Località Pogliano, poi a Vezzolano, passando su una strada decisamente più pianeggiante. Raggiunta l’Abbazia di Vezzolano, è possibile fermarsi al chiosco presente sul piazzale del parcheggio per ristorarsi. La visita alla chiesa, negli orari di apertura è libera, e sono presenti dei servizi esterni che possono essere utilizzati.
Per ritornare a Castelnuovo Don Bosco, dal piazzale del parcheggio, si percorre la strada asfaltata che porta ad Albugnano, fino al bivio (verso destra) che indica C.na Serra e Valle. Si imbocca quindi questa strada asfaltata, che porta verso il fondovalle.
Superato il gruppo di edifici di Valle si prende la strada sterrata sulla sinistra e si prosegue verso valle, incontrando Frazione Nevissano o Mistrassi, dove la strada torna ad essere asfaltata e si trova la Chiesa di San Defendente. Per proseguire verso Castelnuovo Don Bosco si passa tra le case e si tiene la sinistra al primo bivio che si incontra usciti dal borgo. Da qui la strada prosegue con deboli dislivelli ed è poco trafficata. All’incrocio con la Strada Provinciale che collega Castelnuovo ad Albugnano bisogna invece fare attenzione al traffico, attraversandola e dirigendosi per un breve tratto verso valle, ed imboccando subito la strada asfaltata che sulla sinistra permette di entrare nel paese di Castelnuovo. È quindi possibile passeggiare nelle vie del centro storico, dove si incontrano numerosi edifici di rilevanza storica, artistica e religiosa, tra i quali la Chiesa Parrocchiale di S. Andrea, dove nel 1815 San Giovanni Bosco fu battezzato. Per ritornare al parcheggio bisogna seguire Via Mercandillo, raggiungere Piazza Don Bosco e, passando sopra la piazza, imboccare Via Vittorio Emanuele, la quale si immette su Via Chivasso che conduce dopo poche centinaia di metri al punto di partenza.