Cammino Romanico Castelnuovo – Albugnano

Dati tecnici:
Lunghezza (km): 11,6
Durata: 3h 15
Difficoltà: turistica

Descrizione del percorso
Prima  tappa, partenza (30 min). Dalla chiesa di  Sant’Eusebio si imbocca la strada sterrata verso Cornareto. Dopo un iniziale tratto in salita, il percorso prosegue verso nord, sulla cresta della collina compresa tra la valle del Rio Bardella e la valle del Rio Nevissano. Si incontrano subito alcuni bivi, dove si sceglie sempre la via più in salita, per mantenersi in alto e poter ammirare il paesaggio su entrambe le vallate. Al culmine di un lieve dosso si può vedere la Chiesa di S. Maria di Cornareto, sulla propria sinistra. La si raggiunge con una breve deviazione: il paesaggio si apre a 360 gradi e la chiesetta mostra ancora i segni della sua antichità, come testimonia l’abside romanica.

Seconda tappa (1h 30 min).Tornando sul percorso originale, si prosegue ancora verso nord, abbassandosi leggermente e risalendo brevemente: su questa nuova altura si trova la Chiesa di San Michele, la cui facciata barocca è rivolta a guardare quella di Cornareto. Non si può non essere colpiti dalla dolcezza dei luoghi, tra le vigne di freisa, barbera, malvasia e bonarda; le giornate serene offrono lo sfondo della catena alpina, dal Monviso al Monte Rosa.
Siamo circa a metà percorso e si prosegue ancora verso nord. Si supera il tratto di strada asfaltata che conduce alla frazione Bardella e, sempre rimanendo in cresta, si arriva in prossimità della Cascina Bergana. In corrispondenza di un pilone votivo si incontra un bivio: entrambe le direzioni consentono di arrivare a Vezzolano: a sinistra si giunge alla Borgata Pogliano, poi a Vezzolano, passando su una strada quasi pianeggiante. A destra il percorso è un po’ più breve, anche se meno agevole. Raggiunta l’Abbazia di Vezzolano o, più esattamente, la Canonica di Vezzolano, non può esser trascurata la visita della chiesa e del chiostro. Si tratta infatti di uno dei monumenti romanico-gotici più importanti dell’Italia settentrionale. All’esterno del complesso religioso sono disponibili i servizi igienici mentre, salendo di qualche metro, si giunge al parcheggio, ove esiste un bar che svolge anche attività di ristorante.

Terza tappa (1h 45 min). Dal parcheggio, si percorre  la strada asfaltata che porta ad Albugnano. In pochi minuti si giunge al bivio recante l’indicazione Cascina Serra e  Cascina Valle. Si prende a destra sulla strada asfaltata che porta verso il fondovalle e verso il Rio Nevissano: qui occorre tenersi a sinistra. Si percorre una strada sterrata e si incontra la Frazione Nevissano (o Mistrassi); di qui in poi la strada torna ad essere asfaltata e, più oltre, troviamo la Cappella di San Defendente. Al primo bivio si prosegue a sinistra, sempre su strada asfaltata, con deboli dislivelli e poco traffico. Alla confluenza con la strada provinciale 33, che collega Albugnano a Castelnuovo, ci si dirige per un breve tratto verso valle, e si torna alla chiesa di Sant’Eusebio. Se invece si prosegue, per un breve tratto, sulla provinciale, si può entrare nel centro abitato di Castelnuovo Don Bosco.