I trentacinque volontari di InCollina che tengono aperta l’Abbazia di Vezzolano

Un bilancio molto positivo per l’anno che si è concluso da poco per l’Associazione di promozione sociale InCollina guidata dal presidente Roberto Bechis. Dodici mesi ricchi di iniziative e nuovi progetti, nel cuore del Piemonte.
La realtà, nata nel 2015 tra Alto Astigiano e collina Torinese, ha visto crescere in poco più di tre anni, i volontari. Il nuovo direttivo, costituito da poco più di un anno, è composto da Paolo Aiassa, già presidente, Luciano Cavagnero, Maria Ida Dal Pozzo, Raffaella Firpo, Francesco Garetto, Claudia Gramegna, Emilio Lombardi, Alessandra Obert, Davide Pescarolo e Dario Rei.
Nel 2018 i 35 volontari hanno garantito il servizio di apertura dell’Abbazia di Santa Maria di Vezzolano ad Albugnano, interamente gestito dall’Associazione.
Lo staff ha coordinato i visitatori dal martedì alla domenica con un’accoglienza di oltre 35 mila visitatori tra turisti e pellegrini.
Tra di loro il 25% era straniero. “Un buon numero – commentano da InCollina – se teniamo conto del fatto che a gestire le attivitĂ  di accoglienza sono tutti volontari. Un ottimo risultato per la nostra realtà”.
Dati alla mano si scopre che durante il periodo invernale fino ad aprile l’apertura del complesso storico monumentale, esempio per eccellenza del Romanico Astigiano, i volontari hanno lavorato soprattutto il sabato, la domenica e i vari giorni festivi.
Tenendo inoltre conto che nel periodo natalizio e fino a gennaio le visite sono state aperte per la visita al presepe di Anna Rosa Nicola di Aramengo, alla sua settima edizione.
Confermata la convenzione tra InCollina e il Polo Museale del Piemonte per poter consentire la fruizione al pubblico della Canonica Regolare di Vezzolano.
Durante il 2018 sono entrati sei nuovi volontari da Chieri, Castelnuovo Don Bosco, Pino Torinese e Torino. A marzo è stato siglato il protocollo d’intesa della Rete Romanica di Collina fra In Collina e 12 sindaci del territorio per un circuito a disposizione dei visitatori.
Per il 2019 l’Associazione è alla ricerca di almeno altri nove volontari per dare la certezza di un servizio adeguato all’Abbazia di Vezzolano.
Tra i progetti da poco attivati, l’ampliamento del sito internet www.turismoincollina.it, la collaborazione con le associazioni La Cabalesta e Il Trabucco e la creazione di due tour del Romanico.

La Stampa-Asti24